AMARCORD…

È Pasqua un’altra volta.

Un’altra Pasqua prigioniera. 

Oggi Venerdì Santo, mi va di riascoltare un antico canto popolare nella versione tratta dal musical di Tony CucchiaraLa Baronessa di Carini

Amarcord la Pasqua con i suoi riti e misteri. 

Amarcord i teatri in cui ho assistito alla rappresentazione di questo musical. 

Amarcord i tanti affetti, di cui, anche in questa Pasqua, non rivedrò il “disiato riso” (e non per le restrizioni da pandemia). 

Lu Vennirì matinu a ghiornu chiaru
la Bedda Matri si misi in caminu;
‘ncuntrau a San Giuvanni pi la via,
ci dissi: «Unni stati jennu o Matri mia?»
«Vaiu circannu lu me caru Figliu
ca lu pirdivu e nun lu pozzu asciari».
«Iti ‘nta ssà casuzza di Pilatu,
lu iti asciari ‘nchiusu e ‘ncatinatu».
Tuppi tuppi: «Cu è ddocu darreri?»
«Sugnu la tò Matruzza Addulurata».
“Oh cara Matri mia un vi pozzu apriri
ca li giudei mi stannu ‘ncatinatu.
Jti ddocu darreri c’è l’arginteri,
facitici l’aneddu a lu Signuri».
L’aneddu a lu Signuri nun ci stavi,
ci stannu tri chiuvidda ‘e pedi ‘a cruci.
«Oh caru mastru chi faciti a st’ura?»
«Fazzu tri chiova apposta pi lu Signuri».
«Oh caru mastru un li faciti a st’ura
vi pagu la jurnata e la mastrìa».
«Oh cara Matri nun lu pozzu fari,
unni c’è Gesù ci mettinu a mia».
La Bedda Matri ‘ntisi stu parlari,
fici vutari: munnu, terra e mari!

Lu Venniri matina – Canto popolare religioso
Se vi è piaciuto seguitemi o ditelo ad altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *